Il natale si sta avvicinando e si sa, a Parma non può mancare il piatto tradizionale delle festività, gli anolini.

C’è chi li fa con il formaggio, chi con lo stracotto. Sta di fatto che gli anolini sono quei gustosissimi dischetti rotondi che si mangiano sia in brodo sia asciutti, cioè conditi semplicemente con sugo di pomodoro o con panna, e che sono conosciuti anche come cappelletti o agnolotti.

Oggi vi proponiamo la versione degli anolini con Parmigiano Reggiano.

La tradizione vuole il ripieno sia fatto utilizzando tre diverse stagionature di Parmigiano Reggiano, una delle quali molto stagionata, in modo da avere il giusto equilibrio tra dolcezza e sapidità.

Per quanto riguarda la forma, esistono gli anolini rotondi e gli anolini “a stella”, e ciò dipende dallo stampino utilizzato che può essere appunto liscio o dentellato. Anche in questo caso è la tradizione di ogni famiglia a dettare la forma più giusta dell’anolino.

 

Vediamo come si fanno.

 

INGREDIENTI


Per la pasta:

  • 6 uova
  • 600 g di farina 00

Per il ripieno:

  • 450 grammi di Parmgiano Reggiano Montecoppe di 3 stagionature diverse in parti uguali (consigliamo 24 mesi, 30 mesi e 36 mesi).
  • 180 grammi di pane grattugiato
  • 3 uova
  • circa 200/250 ml di brodo
  • noce moscata
  • un pizzico di sale
 
PROCEDIMENTO


Preparare la pasta amalgamando poco per volta le uova con la farina fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Avvolgere con della pellicola trasparente e lasciare riposare al fresco.

In una ciotola mettere il pan grattato con sale e noce moscata e aggiungere il brodo caldo mescolando accuratamente fino a far bagnare completamente il pane, ma attenzione a non eccedere con il brodo, non deve essere liquido.

Aggiungere al composto le uova, una alla volta, e il Parmigiano Reggiano Montecoppe mescolando fino ad amalgamare bene il tutto. Il ripieno dovrà essere morbido e allo stesso tempo sodo, compatto e non deve attaccarsi alle dita.

Tirare la pasta fino ad ottenere una sfoglia larga e sottile e adagiare delle piccole quantità di ripieno. La quantità di ripieno dipenderà dalla grandezza dello stampino, quindi dovrete fare in modo di ottenere degli anolini belli pieni.

Tirare un'altra sfoglia e adagiarla sopra per coprire il ripieno. Fare aderire la pasta con le mani e procedere a tagliare con lo stampino. Porre gli anolini ottenuti su un piano leggermente infarinato e lasciare asciugare la pasta.

Con la dose indicata si dovrebbero ottenere circa 15/20 porzioni che si possono anche congelare una volta che la pasta si è asciugata e non si appiccica più.

Se invece si preferisce mangiarli freschi, fare bollire il brodo, versare circa 250/300 grammi a testa di anolini e far bollire per circa 10 minuti.

 

Servire con una bella spolverata di Parmigiano Reggiano Montecoppe.

 

 

Fonte: 

http://www.ideeinpasta.ifood.it/2016/11/anolini-al-parmigiano.html